1 / 5

Ristorante dell’Hotel San Marco: la location per eventi aziendali e non solo a Verona

Ideale per buffet seduti o in piedi, per pranzi e cene di gala fino a 300 Persone, il Ristorante Nove & Undici dispone di luminose sale su misura o nella bella stagione al bordo della piscina.

I tuoi eventi aziendali e privati: cene di gala, aperitivi, dopo cena, battesimi ed eventi speciali.

Un ambiente accogliente e raffinato che rende, grazie alla cordialità e professionalità del nostro personale, il Nove & Undici del Hotel San Marco la location ideale a Verona per eventi aziendali e privati.

Vengono proposti piatti semplici e realizzati con prodotti di prima scelta, senza eccessive elaborazioni che ne alterino il gusto autentico e dal sapore atavico. Per questo il nostro staff è sempre disponibile ad accompagnarvi nella scelta del vino da abbinare ai piatti o più semplicemente da meditare in compagnia di amici o colleghi.

Dal risvegli al mattino fino all’after dinner serale, dal pranzo al tè delle cinque, ogni tappa della giornata lasciatevi accompagnare dal piacere del buon cibo e concedetevi qualche peccato di gola in uno degli esclusivi ambienti di Hotel San Marco.

Il nostro ristorante è aperto solo su prenotazione per gruppi o eventi organizzati.

Liber-tea Room e Nove & Undici café

Sentirsi come a casa è il primo passo per un soggiorno di successo, e Villa Alice ne è la prova.

Nell’antico soggiorno, al piano sottostante le Liberty Suites, rilassati sorseggiando un the o una cioccolata calda circondato dalle stampe e all’arredamento in stile, leggendo un buon libro e ammirando il verde fuori dalle finestre.

Nelle stagioni più calde, fai un break nel giardino accessibile direttamente dalla Sala e ordina uno spuntino o del buon vino al Nove & Undici Café.

Lo stile Liberty dell’antico soggiorno

L’Art Nouveau, meglio noto come Stile Liberty, fu un movimento artistico che coinvolse l’Europa sul finire dell’Ottocento e i primi decenni del Novecento. Numerosi esempi di architettura Liberty sono rinvenibili in tutta la città di Verona, in particolare nel viale che dall’Arsenale porta al Duomo.

Si suppone, infatti, che furono proprio gli ufficiali militari austriaci i primi beneficiari delle dimore “floreali”, che sbocciavano rapidamente sul territorio. In quel tempo, le regie poste Austriache erano rette delle milizie asburgiche, perché proprio all’interno di accampamenti di forze armate vi erano i maggiori spostamenti di missive.

Fu da un ex ufficiale precocemente rimasto vedovo della moglie Alice che il nonno Giacobbe acquistò la Villa. Intervenne con un restauro delle parti storiche ammalorate ed è grazie a lui che ancora oggi possiamo ammirare i fregi floreali sulle porte e nel frontone. Altri dettagli, come le imposte in legno, il mobilio dell’epoca e alcune stampe di Alphonse Mucha sono conservati e costantemente restaurati: vi invitiamo a visitare gli interni della Villa e beneficiare dello spazio.